fbpx

50 curiosità sulla Lombardia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email

Indice

Sei un appassionato di storia e geografia? Iscriviti al nostro nuovo canale youtube
Sei un appassionato di storia e geografia? Seguici su youtube

Continuiamo la nostra esplorazione delle città italiane a colpi di curiosità! Questa volta ci dedichiamo ad una delle regioni più grandi, una regione ricca di storia, cultura ed innovazione, motore produttivo dell’Italia e centro di moltissime delle attività economiche italiane (e non). Senza ulteriori indugi, quindi, diamo il via a questa raccolta di 50 curiosità sulla Lombardia!

curiosità sulla lombardia
Duomo di Milano

Curiosità sulla Lombardia

Come già successo nell’articolo dedicato alle curiosità sul Trentino Alto Adige anche questo articolo è scritto a più mani, grazie al contributo di diversi di voi che ci hanno aiutato suggerendoci aneddoti e curiosità su questa regione italiana. Se siete quindi alla ricerca di un buon motivo per visitare la Lombardia, qui, tutti assieme, ne trovate 50!

Curiosità storiche

  1. L’origine del nome
    Il nome della regione Lombardia deriva dal popolo che vi abitò dopo la caduta dell’Impero Romano d’occidente: i longobardi. Il nome originario (entrato in uso poco dopo la sconfitta degli antichi romani) era infatti Longobardia (terra dei Longobardi), che, con il passare dei secoli, si è trasformato in Lombardia.
  2. Il simbolo della regione
    Il simbolo della regione Lombardia è la rosa camuna, bianca su sfondo verde. La rosa camuna è uno dei simboli più ricorrenti nelle incisioni rupestri rinvenute nella val Camonica (da cui il nome camuna), in provincia di Brescia.
    Lo sfondo verde rappresenta, semplicemente, la pianura padana.
curiosità sulla lombardia
Simbolo della Lombardia
  1. La nascita della croce rossa
    Tutti avrete studiato, fin dalla scuola primaria, le guerre d’Indipendenza, iniziate con le 5 giornate di Milano nel 1848. Durante una di queste, nei pressi di Solferino, in provincia di Mantova, si svolse una delle battaglie più cruente. Per far fronte all’incredibile emergenza umanitaria, il filantropo svizzero Henry Dunant, diede vita a una associazione specializzata nella cura dei feriti: la Croce Rossa.
  2. I segni delle baionette a Bergamo
    Sulle piastrelle del palazzo della ragione, in piazza duomo a Bergamo, sono presenti diversi tagli. Essi sono i solchi realizzati dai soldati austriaci durante la prima guerra mondiale mentre affilavano le loro baionette in vista dei turni di guardia.
  3. Ca’ Granda: studiare in un edificio rinascimentale
    Ca’ Granda
    , attualmente sede dell’Università degli studi di Milano, è stato uno dei primi edifici rinascimentali e ispirò diverse costruzioni in tutto il nord Italia
  4. La peste del 1630
    La peste del 1630 fu uno degli avvenimenti più tragici che colpì l’Italia settentrionale. Si diffuse particolarmente nel grand ducato di Milano e successivamente in tutta la pianura padana. Dell’evento parlò anche Alessandro Manzoni, 2 secoli più tardi, ne “I promessi sposi“, tant’è che è nota anche come “peste manzoniana”.
  5. Le 2 Expo di Milano
    Milano è stata sede di 2 esposizioni universali: la prima nel 1906, fu dedicata ai trasporti, la seconda, recente e nella memoria di molti, era dedicata all’alimentazione.
expo milano
L’albero della vita, simbolo dell’Expo 2015
  1. La pinacoteca di Brera svuotata
    Durante la prima guerra mondiale la Pinacoteca di Brera, che già allora era uno dei più importanti musei d’arte Italiani, venne svuotata e le sue opere vennero trasferite a Roma per questioni di sicurezza.
  2. Leonardo a Milano
    Sebbene molto spesso Leonardo Da Vinci venga associato alla città di Firenze, fu Milano la città nella quale visse più a lungo. Vi approdò per partecipare ad un concorso musicale e vi rimase poi, per 20 anni, periodo durante il quale realizzò l’Ultima cena e la dama con l’ermellino.



 

 

Curiosità geografiche

  1. Il record del duomo di Milano
    Il duomo di Milano è la chiesa in stile gotico più grande al mondo, nonchè una delle chiese, in assoluto, più grandi per estensione!
  2. Le pitture rupestri della Val Camonica
    In Val Camonica vi è una delle più grandi collezioni di pitture rupestri al mondo. Si diffonde in 24 comuni su circa 2000 rocce. Il sito fu il primo patrimonio UNESCO riconosciuto in Italia.
  3. Il lago di Garda: il più grande d’Italia
    Forse è una curiosità ovvia, ma è bene ribadirla: al confine tra Veneto, Trentino Alto Adige e Lombardia si trova il lago di Garda, il lago più grande d’Italia.
  4. I borghi più belli d’Italia
    In Lombardia sono ubicati ben 20 borghi più belli d’Italia. In provincia di Bergamo vi sono Cornello dei Tasso, Gromo e Lovere, in provincia di Brescia Bienno, Gardone Riviera, Monte Isola e Tremosine sul Garda. In provincia di Como c’è solo Tremezzina, mentre in provincia di Cremona vi sono Castelponzone, Gradella e Soncino. In provinca di Mantova Castellaro Lagusello, Grazie, Pomponesco, Sabbioneta e San benedetto Po e in provincia di Milano Cassinetta di Lugagnano e Morimondo. Infine in provincia di Pavia abbiamo Fortunago e Zavattarello. Nessuno al momento si trova in provincia di Sondrio.
  5. I patrimoni UNESCO
    Oltre alle Incisioni rupestri in Val Camonica ci sono altri 10 patrimoni UNESCO.
    In ordine di istituzione abbiamo:
    • la Chiesa e Convento Domenicano di Santa Maria delle Grazie con “L’Ultima Cena” di Leonardo Da Vinci
    • Crespi d’Adda
    • I Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia
    • Monte San Giorgio
    • Mantova e Sabbioneta
    • Ferrovia retica nel paesaggio dell’Albula e del Bernina
    • i luoghi Longobardi in Italia (encomio conferito in special modo alla chiesetta di Santa Maria Foris Portas)
    • i Siti palafitticoli preistorici attorno alle Alpi (anch’essi condivisi con alcuni luoghi fuori regione)
    • Le mura di Bergamo Alta
Vista notturna di Mantova
Vista notturna di Mantova
  1. I navigli di Milano
    I navigli di Milano sono un complesso di canali fluviali attorno ai quali sorse e prosperò nei secoli la città di Milano e sono, ancora oggi, una zona molto nota della città, nonché punto di aggregazione.
    Tuttavia i navigli attualmente visibili a Milano rappresentano solo una parte di quelli realmente esistenti visto che molti di essi sono stati sotterrati e coperti per far spazio a strade. Uno degli interventi di copertura più grandi avvenne, come ci dice @mattiapedo, in epoca fascista. Al giorno d’oggi, ad intervalli regolari, si riparla spesso di “riaprire i navigli” cosa che da un lato darebbe alla città un aspetto molto più vivibile, ma dall’altro creerebbe enormi disagi alla viabilità.
  2. L’isola lacustre più grande nel lago d’Iseo
    Monte isola, un isola ubicata all’interno del lago d’Iseo, è l’isola lacustre più grande d’Italia e dell’Europa meridionale (curiosità suggerita da imieiposti)
  3. Cremona è la patria dei liutai
    La liuteria tradizionale cremonese è una forma d’artigianato tipica di Cremona, riconosciuta in tutto il mondo. È stata inserita anche tra i patrimoni culturali immateriali dall’UNESCO.
    (curiosità suggerita da imieiposti)
  4. Il vittoriale degli Italiani
    In provincia di Brescia, una delle mete più visitate è il Vittoriale degli Italiani, un complesso di residenze erette durante il fascismo per celebrare il poeta Gabriele D’Annunzio e le imprese italiane durante la prima guerra mondiale. Un complesso enorme, sfarzoso e ricco di peculiarità dove, visse anche D’Annunzio stesso.(curiosità suggerita da therealgiadagram_)
vittoriale degli italiani
Vittoriale degli italiani
  1. La più piccola città con una metropolitana
    Brescia è la città più piccola in Europa ad avere una linea metropolitana.
    (curiosità suggerita da imieiposti)
  2. La metropolitana più grande d’Italia
    D’altro canto non è un mistero che la metropolitana di Milano sia di gran lunga la più estesa d’Italia.
  3. La cromia della galleria
    Le insegne di tutti i negozi ubicati all’interno della Galleria Vittorio Emanuele a Milano devono rispettare un rigido rigore cromatico: il testo dev’essere di color oro, su sfondo nero. La regola è talmente ferrea che vi si adeguò pure il Mc Donald’s, rinunciando ai suoi iconici colori!
    (curiosità suggerita da i_viaggi_di_giugliver)
  4. La vetta più alta della Lombardia
    La vettà più alta della Lombardia è il Pizzo Zupò, che si trova sul massiccio del Bernina, in provincia di Sondrio. Raggiunge i 3996m.
  5. I fossili del lago di Lugano
    Le rive del lago di Lugano sono ricche di fossili risalenti sia al Triassico medio (circa 240 – 230 milioni di anni fa) che al Giurassico inferiore (circa 180 milioni di anni fa).
  6. Il dritto, il curvo e lo storto
    Questi sono i nomi colloquiali dati ai 3 “nuovi” grattacieli eretti nella zona di City Life, a Milano.
City life a Milano
City life a Milano
  1. Il terzo autodromo più antico al mondo
    L’autodromo di Monza, chiamato anche Eni Circuit è il terzo più antico al mondo, ed il secondo ancora in uso, dopo Indianapolis. Venne inaugurato nel 1922.
  2. I nomi delle alpi lombarde
    I nomi delle Alpi della Lombardia derivano tutti dalle popolazioni vivevano tra queste montagne prima della caduta dell’impero romano d’occidente Le Alpi Lepontine prendono il nome dalla popolazione ligure dei Leponzi, sottomessa da Augusto. Le Alpi Retiche dai Reti, popolazione di origine etrusca. Le Alpi Orobie da un’altra popolazione, di origine incerta (ligure o celtica): gli Orobi.



 

 

Curiosità amministrative

  1. La provincia più estesa è quella di di Brescia
    La provincia di Brescia occupa un’area di oltre 4700 chilomteri quadrati
  2. La provincia più popolosa è quella di Milano
    O sarebbe meglio dire la “città metropolitana”. Conta oltre 3.2 milioni di abitanti ed è la seconda più popolosa d’Italia, dopo la città metropolitana di Roma.
  3. La provincia di Monza-Brianza è la più densamente popolata
    Le provincie di Monza-Brianza e Milano, sono 2 tra le più densamente popolate d’Italia (rispettivamente seconda e terza). Davanti a loro, solo Napoli. Contano, entrambe, oltre 2000 abitanti per chilometro quadrato.
  4. La regione col maggior numero di province
    Sono ben 12 e spaziano dalle popolosissime provincie di Milano e Monza-Brianza a quelle meno densamente popolate come la provincia di Varese o la provincia di Sondrio. In seconda posizione troviamo la Sicilia, che conta, ad oggi, 10 province.
  5. La regione più popolosa d’Italia
    Con oltre 10 milioni di abitanti la Lombardia è di gran lunga la regione più popolosa d’Italia, seguita, con quasi la metà degli abitanti, dal Lazio.



 

 

Costumi e leggende della Lombardia

  1. L’hotel dal quale non ha senso uscire
    Nell’area dell’oltrepò pavese si trova il Motel K, un particolare tipo di hotel nel quale potrete scegliere le peculiarità della stanza nella quale alloggerente, scegliendo tra docce emozionali, vasche idromassaggio e ogni possibile trattamento. Leggete il nostro articolo dedicato per capire di quale meravigliosa esperienza stiamo parlando!
motel k oceania
Suite oceania
  1. I fiori di loto di Mantova
    Ogni anno a Mantova, tra Luglio ed Agosto, è possibile assistere alla fioritura dei fiori di loto. È la più grande al mondo al di fuori di quelle giapponesi!
  2. Il lariosauro
    Lariosauro è il nome dato ad un dinosauro estinto i cui primi resti sono stati rinvenuti nei pressi del Lago di Como e successivamente in altre parti d’Europa
    Così come a Lochness, anche nel lago di Como si dice che esista un mostro, ovviamente mai rinvenuto. I primi avvistamenti risalgono al 1946 e ovviamente i folkloristici avvistatori pensarono subito al Lariosauro. Se volete ulteriori dettagli su avvistamenti e fattezze di questo mostro, vi invitiamo a leggere questo breve paragrafo su Wikipedia.
  3. Il trenino rosso del Bernina
    Il celeberrimo trenino rosso del Bernina, che si arrampica sulla alpi svizzere offrendo panorami sensazionali, ha, come stazione di partenza, proprio un paesino in Lombardia: Tirano, in provincia di Sondrio.
trenino rosso bernina
Trenino rosso del Bernina
  1. La chiesa di ossa
    Situata in Piazzale Santo Stefano, sempre a Milano, la Chiesa di San Bernardino alle ossa fu costruita nel 1269 per ospitare le vittime della malattia. Le decorazioni principali sono costituite da ossa e teschi umani e ospita all’interno le reliquie di diversi condannati a morte.
  2. La statua della libertà del Duomo di Milano
    Se prestate bene attenzione, noterete che nella facciata del duomo di Milano è possibile scorgere una scultura molto molto simile alla statua della Libertà di New York. Essa tuttavia venne costruita circa 70 anni prima, nel 1810 e quindi non può in alcun modo essere ritenuta un plagio.
  3. L’uomo murato di Pavia
    Leggenda narra che all’interno del castello di Pavia vi sia Pasquino Cappelli, murato in quanto colpevole di aver scritto una lettera che portò alla sconfitta dei Visconti al Serraglio di Mantova…era innocente!
  4. La strada degli gnomi
    A Milano, precisamente nel quartiere Maggiolina, esiste una strada molto particolare. Le case che la costeggiano ricordano, infatti, degli igloo, o in alcuni casi, addirittura dei funghi! Un’idea originale per una visita di Milano insolita
Strada degli gnomi, curiosità lombardia
La strada degli gnomi
  1. Edgar Scandurra, lo spaccatore di angurie
    Edgar, un lombardo della provincia di Pavia, detiene il guinness world record per il maggior numero di angurie spaccate in un minuto: 78
  2. Il Maine Coon dei record
    Incredibile ma vero, sempre a Edgar (o meglio, al suo gatto), spetta un altro guinness world record. È lui il padrone del gatto più lungo al mondo: 123 cm!
  3. Il tracciato di Formula 1 più veloce
    Il tracciato di Monza è il più veloce in assoluto tra quelli percorsi durante i campionati di Formula 1. Il record lo stabilì Kimi Räikkönen che lo percorse ad una velocità media di 263,587 km/h, in 1 minuto e 19 secondi circa.
circuito di Monza
Circuito di Monza
  1. Il gelato alla stracciatella
    Il gelato alla stracciatella nasce a Bergamo, realizzato per la prima volta al Caffè Marianna.
  2. I piatti tipici lombardi
    Tra i piatti tipici lombardi, noto in tutto il mondo, vi sono la cotoletta alla milanese, il risotto, la polenta e il panettone!
  3. Il carnevale ambrosiano
    Il carnevale ambrosiano si celebra a Milano, nell’intera arcidiocesi di Milano. Dura fino al primo sabato di quaresima.
  4. La passerella di Christo: the Floating Piers
    Sul lago d’Iseo, tra la provincia di Bergamo e quella di Brescia, l’artista Christo ha realizzato una passerella gialla, fluttuante, che nel corso di meno di un mese attirò 1,5 milioni di visitatori (100.000 solo nei primi 2 giorni)
floating piers
Floating Piers
  1. La confusione della Lega
    La Lega, attualmente primo partito Italiano, porta nel suo simbolo la raffigurazione di un eroe di guerra, che combattè fra i ranghi della Lega Lombarda contro Federico Barbarossa durante la battaglia di Legnano, nel 1176. Esso viene solitamente associato ad Alberto da Giussano, personaggio che, tuttavia, secondo diverse ricostruzioni storiche, non è mai esistito. Il simbolo rimanda invece ad una scultura di tardo 800, che raffigura un generico eroe della battaglia di Legnano. E se anche raffigurasse il capo della Lega Lombarda, questo porterebbe il nome di Guido da Landriano!
  2. Milano è la città più vivibile d’Italia
    Secondo il consueto report annuale del Sole 24 ore, Milano sarebbe la città più vivibile d’Italia, merito dei grandi risultati ottenuti nelle categorie relative al tempo libero, agli affari e ai servizi.
  3. Milano è città con più criminalità
    Sempre secondo il Sole 24 Ore, tuttavia, Milano è anche l’ultima classificata nell’indicatore di giustizia e sicurezza, con uno sconcertante ultimo posto nell’indicatore della criminalità. Terribili i piazzamenti anche per quanto riguarda gli indici relativi a rapine, estorsione, truffe e violenze sessuali…e ciò nonostante, è la più vivibile d’Italia.
  4. La madonnina dei grattacieli di Milano
    In cima al grattacielo più alto di Milano (a seconda di quale lo sia in ogni periodo storico) viene collocata una copia della madonnina, il cui esemplare originale si trova sul duomo di Milano. Questo perchè si vuole mantenere la tradizione per cui la Madonnina rappresenti il punto più alto della città. Fino agli anni 60 questa tradizione venne rispettata evitando di costruire grattacieli troppo alti ma, negli anni a seguire, si adotto questo stratagemma, che venne applicato sia sul Pirellone, che sulla attuale torre Isozaki.
La torre più alta di Milano: curiosità Lombardia
La torre più alta di Milano

Conclusioni: le curiosità sulla Lombardia

Chiudiamo qui questa raccolta di curiosità sulla Lombardia ringraziando tutti coloro che hanno contribuito a fornirci i loro aneddoti su questa regione italiana.
Ci vediamo presto con i prossimi articoli dedicati a Piemonte e Valle d’Aosta! E, se non vi è bastata questa carrellata, vi lasciamo i link di quelle dedicate a Friuli Venezia Giulia, Veneto e Trentino Alto Adige! E se ancora non vi bastasse, qui trovate la raccolta completa di tutte le curiosità regionali. E se ancora non vi bastasse, ogni martedì e giovedì, nelle nostre storie Instagram pubblichiamo le #cariosity: curiosità in pillole, della durata di 15 secondi! Vi aspettiamo lì!

Fonte foto: scatti personali e pixabay

Articoli recenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Galleria di Instagram:
perchè curarla è cruciale

Inserisci la tua mail e ricevi gratuitamente il nostro ebook che ti aiuterà a migliorare la tua gallery di Instagram

Articoli correlati

Indice

Iscriviti alla newsletter

Ricevi ogni settimana una guida, un suggerimento, un consiglio su come gestire al meglio la tua presenza su Instagram.

In regalo anche un ebook completo dedicato alla galleria di Instagram!