fbpx

10 cose da vedere a Udine e dintorni 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email

Indice

Nuova settimana e nuova ospite pronto a parlarci della sua terra! Questa volta abbiamo tra le nostre fila Ylenia, una super friulana che, con una passione senza pari, ci porterà alla scoperta della sua terra, mostrandoci e descrivendoci con dovizia di particolari 10 cose da Vedere ad Udine e dintorni!

 

Cosa vedere a Udine e dintorni

Udine è una città che amo. Grazie al suo stile e alla sua atmosfera la trovo elegante e a misura d’uomo allo stesso tempo.
Le sere estive sono i momenti che più mi piacciono, quando scende la sera le piazze si popolano di gente che si incontra per chiacchierare davanti a “un bon tajut” (tradotto dal friulano un buon taglio, ovvero un buon bicchiere di vino) in una delle tante osterie e tanti bar che circondano le piazze.
Se mi chiedete quale sia la mia preferita, la risposta è senza dubbio Piazza San Giacomo (chiamata anche Piazza Matteotti), ma il mio consiglio è quello di perdersi e passeggiare tra le vie del centro rivolgendo gli occhi all’insù verso le facciate dei palazzi storici dove sono visibili alcune decorazioni antiche (nei palazzi di Piazza San Giacomo, in Via Mercatovecchio e non solo).

 

Piazza San Giacomo a Udine
Piazza San Giacomo a Udine

 

Udine si sviluppa attorno al colle del Castello che sorge nel centro cittadino e la leggenda vuole che sia stato eretto da Attila con lo scopo di vedere Aquileia mentre bruciava e che lui stesso fosse il responsabile dell’incendio (vi rimandiamo a questo articolo per altre curiosità sul Friuli Venezia Giulia).
Ma veniamo a noi e iniziamo il nostro tour e scopriamo assieme le 10 cose da vedere a Udine!

 

Cosa vedere a Udine

Il miglior modo per visitare la città è muoversi a piedi, infatti tutte le attrazioni sono vicine e passeggiare è il miglior modo per vivere la città con lo stesso ritmo degli udinesi!
In alternativa, se si vogliono visitare anche i dintorni, è necessario organizzare gli spostamenti con la macchina o valutare dei collegamenti con i mezzi pubblici che siano agevoli.

 

Piazza libertà
Piazza libertà

 

1. Piazza Libertà

Piazza Libertà (o piazza della Libertà) si trova ai piedi del colle del Castello di Udine ed è considerata un piccolo gioiello per le architetture che la attorniano. Una di queste è la Loggia del Lionello.
La Loggia del Lionello è una loggia pubblica costruita in stile gotico veneziano che in passato fu devastata da un incendio e conseguentemente restaurata attorno la seconda metà dell’800. La particolarità della struttura è data dalle fasce alterne di pietra bianca e rosa che la adornano.

 

cosa vedere a udine piazza libertà
Piazza librertà

 

Di fronte alla Loggia è possibile vedere il Tempietto e la Loggia di San Giovanni, oggi dedicata ai Caduti, e le statue di Ercole e Caco (o Florean e Venturin come vengono chiamati dagli udinesi). Inglobata nella Loggia di San Giovanni è possibile vedere la Torre dell’Orologio con i due mori che battono le ore sulla campana posta alla sommità della Torre e il bellissimo orologio.

 

cosa vedere a Udine
Dettaglio di Piazza della Libertà

 

Per salire in Castello da Piazza della Libertà bisogna passare sotto all’Arco Bollani progettato da Andrea Palladio.
Nella Piazza sono visibili anche la Fontana del Carrara, la Colonna con il Leone Marciano, la colonna con il monumento alla Giustizia e il Monumento della Pace (commemorativo della pace stipulata con il Trattato di Campoformido); tutti i monumenti appena citati appartengono ad epoche diverse.

 

2. Il Colle del Castello, il Castello e i Musei

Per salire al colle del Castello è possibile scegliere due vie, una da Piazza Libertà attraverso l’Arco Bollani oppure dal lato opposto da Piazza I° Maggio. Se scegli di salire da Piazza dell Libertà, allora puoi percorrere tre diverse soluzioni.
La prima è camminare sotto la Loggia del Lippomano, la seconda è la strada centrale lastricata con il porfido, la terza è la salita a scale che ti porta direttamente nello spiazzo davanti al Castello.
Solitamente preferisco salire passeggiando sotto la Loggia del Lippomano perché mi porta davanti alla piccola Chiesa di Santa Maria in Castello e poi scendere dalla scalinata dalla parte opposta, dopo aver goduto del panorama.
Il Castello di Udine assomiglia più ad una residenza signorile ed il progetto di ricostruzione è stato affidato dapprima a Giovanni Fontana e poi a Giovanni da Udine.
Il Castello è sede del Museo Archeologico, del Museo del Rinascimento e del Museo della Fotografia ed inoltre è possibile visitare su prenotazione le Raccolte Numismatiche, la Gallerie di Disegni e Stampe, le Raccolte di Scultura e Gipsoteca.
Nel Castello è possibile visitare il Salone del Parlamento della Patria del Friuli.
Nello spiazzo antistante al Castello sorge anche la Casa della Contadinanza, che era l’antica sede dei rappresentanti dei contadini friulani (uno dei corpi politici della Patria del Friuli).

 

3. Il Duomo e l’Oratorio della Purità

Il Duomo di Udine sorge nell’omonima piazza. È una struttura al cui interno è possibile vedere le influenze dello stile barocco mentre l’esterno segue lo stile romanico-gotico. Nella facciata, realizzata in cotto, spicca il Portale della Redenzione.
Accanto al Duomo sorge il Campanile, al piano terra del quale è possibile visitare il Museo del Duomo. 
L’Oratorio della Purità si trova dal lato opposto del Campanile e al suo interno sono ospitate delle famose opere di Giambattista Tiepolo e del figlio Giandomenico.

 

Duomo di Udine
Duomo di Udine

 

4. Museo Diocesano e le Gallerie del Tiepolo

Il Museo ha sede nel Palazzo Patriarcale. Si trova a pochi passi da Piazza I° Maggio e ospita circa 700 opere.
La prima opera che colpisce è l’affresco che decora il soffitto sopra lo Scalone D’Onore realizzata da Giambattista Tiepolo e che raffigura La Caduta degli angeli ribelli. 
Tiepolo realizza anche la decorazione della Galleria degli Ospiti e il soffitto della Sala Rossa. 
Un’altra delle bellissime sale visitabili oltre alle opere del Museo Diocesano, è la biblioteca del Patriarca Delfino che custodisce numerosi volumi di un valore importante.

 

Affresco Museo Tiepolo
Affresco del Museo Tiepolo

 

5. Museo d’Arte Moderna e Contemporanea Casa Cavazzini

Per gli amanti dell’arte moderna e contemporanea Casa Cavazzini deve rientrare sicuramente tra le 10 cose da vedere a Udine.
Casa Cavazzini è stata ristrutturata su progetto dell’architetto Gae Aulenti e dal 2012 è sede del museo d’arte moderna e contemporanea.
Il piano terra e il primo piano sono parte della mostra permanente e vi sono visibili diverse opere dei fratelli Basaldella, mentre il secondo piano è dedicato alle collezioni d’arte Astaldi e FRIAM.
Se hai a disposizione dell’altro tempo puoi visitare anche il Museo Etnografico, che custodisce e racconta le radici del popolo friulano lasciando spazio a tradizioni, abitudini e storie di vita vissuta, e il Museo di Storia Naturale. 
In Piazza I° Maggio è aperto al pubblico anche il Santuario di Santa Maria delle Grazie, a poca distanza la Chiesa di San Francesco (attualmente sconsacrata e adibita ad esposizioni temporanee) e in Piazza San Giacomo l’omonima Chiesa di San Giacomo.

 

Cosa vedere nei dintorni di Udine

 

6. Cividale e Castelmonte

Cividale del Friuli è stata nominata Patrimonio dell’Unesco e passeggiando tra le sue vie si può comprendere il perché.
E’ conosciuta anche come città dai quattro volti e si deve il nome alla storia e ai popoli che hanno vissuto qui. Essa è infatti stata città romana, città longobarda, città patriarcale e città veneta.

 

cividale del friuli
Cividale del Friuli

 

A pochi chilometri da Cividale è possibile raggiungere anche il Santuario della Beata Vergine di Castelmonte, un luogo sacro e tappa del Cammino Celeste.
Entrambi i luoghi sono legati alla leggenda del Diavolo e della sua sconfitta.
A Cividale e a Castelmonte ho dedicato un articolo che contiene i consigli per passare un week-end in queste zone e lo puoi leggere qui.

 

7. Fagagna, Oasi dei Quadris e il Museo di Cjase Cocel

Fagagna è situata in una zona di collina e in primavera è molto bella per i colori della natura che la circondano ed infatti è una delle mete che preferisco per fare un tour fotografico.
È anche sede dell’Oasi dei Quadris, una riserva naturale che ospita diverse specie di animali, molto conosciuta per le cicogne che saranno proprio coloro che ti accoglieranno, libere nel cielo, al tuo arrivo.
Inoltre, per chi volesse tornare alle origini e vivere da vicino la vita contadina friulana, il Museo di Cjase Cocèl è il luogo perfetto.
Ne ho parlato in questo articolo, che puoi leggere qui. Sono entrambi luoghi adatti alla visita con i bambini.

 

8. Venzone e Gemona

Venzone e Gemona sono due cittadine legate alla tragica storia del terribile terremoto del 1976, che ha causato ingenti danni e fatto numerose vittime.
Consiglio una visita perché a mio parere sono simbolo di rinascita.
Venzone è possibile vedere la mostra permanente Tiere Motus. Storia di un terremoto e della sua gente, che testimonia un periodo buio e colpisce nel profondo anche chi, come me non l’ha vissuto direttamente.
Inoltre è possibile visitare il Duomo e le Mummie, mentre se ti trovi in zona a ottobre puoi visitare Venzone in occasione della Festa della Zucca.
Gemona, come Venzone è una città che è rinata dalle macerie del terremoto e a cui ho dedicato uno dei primi articoli del blog, che puoi leggere qui.

 

9. Palmanova e Aquileia

Palmanova è conosciuta per la sua particolare forma. Infatti, se vista dall’alto, è una fortezza a forma di stella e proprio per questo è conosciuta anche come città stellata. Anch’essa è diventata recentemente Patrimonio dell’Unesco.
Per accedere a Palmanova è possibile scegliere una delle tre porte: Porta Udine, Porta Aquileia e Porta Cividale. 
Piazza Grande è il cuore di Palmanova e il centro della città nella quale è visibile lo Stendardo e vi affaccia il Duomo.
E’ possibile visitare il Museo Militare che al suo interno ospita uniformi, cimeli e documenti risalenti alla Prima Guerra Mondiale.
Un consiglio è quello di fare una passeggiata sulle mura della città scegliendo uno dei percorsi proposti che costeggiano il fossato difensivo e i bunker.

 

Campanile di Aquileia
Campanile di Aquileia

 

Proseguendo verso Grado si incontra sulla strada Aquileia, rinomata per i resti archeologici di epoca romana e la per sua storia.
Si può visitare la Basilica e i suoi mosaici, il porto romano, il foro romano, il sepolcreto romano e i resti di via Flavia, via Postumia e via Annia. È presente anche un museo archeologico che raccoglie centinaia di oggetti risalenti all’età romana.

 

10. San Daniele del Friuli

San Daniele del Friuli è una cittadina che sorge nella zona collinare friulana ed è rinomata per il famoso prosciutto di San Daniele al quale è dedicata anche Aria di Festa, una festa che si tiene nel periodo estivo.
Il centro cittadino è ottimo per godere di una passeggiata e soffermarsi sui panorami che attorniano San Daniele, inoltre è possibile visitare la Biblioteca Guarneriana che oltre ad essere la biblioteca pubblica custodisce una serie di preziose opere miniate.
Merita una visita anche la Chiesa di San Antonio Abate importante per i cicli di affreschi che la decorano all’interno e nota anche come la “Sistina del Friuli” e il Duomo di San Michele Arcangelo.
Passeggiando è possibile vedere anche la Casa del Trecento e Porta Gemona, progettata da Andrea Palladio.

Conclusioni

In questo articolo ho riunito 10 cose da vedere a Udine e dintorni, ma non sono le uniche! Anzi, la provincia di Udine, e più in generale il Friuli Venezia Giulia, hanno tanto da offrire sia a livello naturalistico, sia culturale che eno-gastronomico.
Ringrazio i ragazzi di Insolitotramtravel che con la loro iniziativa #AiutamociAdAiutarci mi hanno permesso di scrivere del mio amato Friuli e di farlo conoscere anche a chi ancora non l’ha considerato come meta turistica.
Mandi!

Articoli recenti

3 commenti su “10 cose da vedere a Udine e dintorni ”

    1. Ciao Olgica! Siamo contenti che l’articolo di Ylenia ti sia piaciuto. Ci farà molto piacere vederlo menzionato con un link nel tuo blog ma, per rispetto dell’autrice ti chiediamo di non copiare ed incollare integralmente il contenuto.

      Grazie e buona serata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Galleria di Instagram:
perchè curarla è cruciale

Inserisci la tua mail e ricevi gratuitamente il nostro ebook che ti aiuterà a migliorare la tua gallery di Instagram

Articoli correlati

Indice

Iscriviti alla newsletter

Ricevi ogni settimana una guida, un suggerimento, un consiglio su come gestire al meglio la tua presenza su Instagram.

In regalo anche un ebook completo dedicato alla galleria di Instagram!