fbpx

Su instagram è iniziata la #unusualtravelchallenge! Scopri i gironi QUI

Un’affermazione un po’ forte, ma della quale siamo fermamente convinti.
Torniamo oggi a parlare di Bali soffermandoci su un aspetto non di poco conto che, tra l’altro, è uno di quelli che ci richiedete maggiormente: come spostarsi a Bali? Noi lo abbiamo sempre detto e lo confermiamo: l’unico modo per visitare bene Bali è noleggiare uno scooter.

I mezzi di trasporto

Prima di capire il perchè, facciamo una breve panoramica sui mezzi di trasporto a Bali. Per i turisti ce ne sono sostanzialmente 3:

  • taxi (o uber o similari)
  • driver
  • scooter

Il taxi, così come in tutto il mondo, offre un servizio che ti porta da A a B per un prezzo dipendente da durata e lunghezza del tragitto. I costi sono enormemente più bassi rispetto a quelli occidentali (li abbiamo esplorati nell’articolo dedicato) ma nel budget giornaliero si fanno decisamente sentire.

Il driver è sostanzialmente un dipendente di una ditta di trasporti che, a fronte di un pagamento di circa 50 euro al giorno, ti scarrozza in giro per l’isola. Scelta interessante per entrare in contatto con gente del posto, scambiare quattro chiacchiere in inglese maccheronico e soprattutto se si è appassionati di imbottigliamenti stradali.

Sì perchè sia il taxi che il driver soffrono di un piiiiccolissimo problema: il traffico. Ed è qui che il buon scooter rappresenta la soluzione definitiva!

Bali in scooter: conveniente e piccolino

Elena su uno scooter rosso

Quando diciamo che lo scooter è l’unica soluzione per visitare davvero Bali lo diciamo per 2 motivi principali: costa poco ed è piccolo.

Il secondo punto è ovviamente quello fondamentale perchè vi permetterà di districarvi con “agilità” nell’infernale traffico Balinese (ne abbiamo parlato nel nostro primo articolo su Bali) e vi permetterà di guadagnare tanto, tanto, tantissimo tempo.

Ovviamente, per raggiungere un risultato ottimale, dovrete mettere da parte ogni lezione imparata a scuola guida, imparare che la precedenza non va data, ma va pretesa e che i marciapiedi, a quanto pare, a Bali, sono anche dei marciaruote!

Ma una volta capito ciò, beh, la strada è spianata, le distanze si riducono e avrete modo di visitare decisamente più luoghi!

Piccolo aneddoto di chiusura

Se ancora non vi abbiamo convinto che lo scooter sia IL mezzo di trasporto a Bali, lasciatemi raccontare questo piccolo aneddoto:

Strada di ritorno da Beratan, direzione Ubud. Ore 17. Pioggia. Stavamo scendendo tranquillamente dai tornanti, in una delle strade più grandi dell’isola quando, ad un certo punto, troviamo traffico. Iniziamo piano piano a superare, un po’ a destra un po’ a sinistra le macchine. Una, due, tre….dieci…cento…miiiiillle!

mille

A parte gli scherzi, non sappiamo quante ne abbiamo superate ma per darvi un’idea possiamo dirvi questo: siamo stati 20 minuti, senza mai fermarci, per superarle tutte.

Probabilmente l’ultimo della fila è ancora là, in coda!

Categorie: IndonesiaMondo

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *