fbpx

Finalmente iniziamo anche noi a dare un senso a questo blog di viaggi, parlando, per l’appunto, di viaggi. E lo facciamo partendo da Mirabilandia, il parco di divertimenti emiliano nel quale siamo stati nel weekend del 15 e 16 Settembre 2018. E quindi, eccoci qui a dirvi come noi abbiamo speso i nostri due giorni a Mirabilandia 😀

Premessa

La nostra è stata una scelta PESSIMA. Andare a Mirabilandia nel weekend è, probabilmente, sempre una scelta pessima…ma, a quanto pare, per molti inevitabile. Il motivo: le interminabili code alle attrazioni. In effetti lo sapevamo già, ma non avremmo mai pensato che, anche a Settembre inoltrato sarebbe stata così tragica.
Quindi cogliete subito il nostro primo tips: andate a Mirabilandia durante la settimana!

Cos’è Mirabilandia

Beh, lo conoscerete quasi tutti! Mirabilandia è il secondo parco divertimenti più famoso d’Italia (dopo Gardaland) e, come il suo principale concorrente, offre tantissimissime attrazioni volte a soddisfare sia i più giovani che i più grandi! In molti ci avete chiesto di fare un confronto tra Mirabilandia e Gardaland e, vi assicuriamo, gli dedicheremo un articolo apposito. Per ora ci limiteremo a raccontarvi velocemente la nostra esperienza.

Chiaramente, essendo un parco divertimenti, ed essendo voi dotati di una o più mappe, non staremo qui a consigliarvi itinerari o tragitti raccomandati: semplicemente, muovetevi cercando di minimizzare i tempi morti…che è assolutamente ciò che noi NON abbiamo fatto.

I nostri due giorni a Mirabilandia

Giorno 15 Settembre.

Orario di apertura: 10.00. Orario di arrivo: 10.30…siamo già in ritardo!

Poco male, avendo già i biglietti entriamo quasi subito e ci fiondiamo alla prima attrazione: il bagno 🚽.
Espletati i bisogni proseguiamo sulla destra in direzione “zona adrenalina”. Il parco lo conosciamo già, sappiamo bene o male dove sono tutte le attrazioni. Le prime che raggiungiamo sono le Oil towers, due torri di 60 metri. Sebbene appartenenti allo stesso complesso, sono 2 attrazioni diverse: la prima scende velocissimamente, la seconda sale altrettanto di colpo. Ne scegliamo una e, nell’attesa di salire ci dilettiamo nella seconda attrazione del parco: la coda!

code di due giorni a Mirabilandia

code a Mirabilandia

…e già alle 11 siamo stufi. Saliamo sulla torre, il divertimento dura 20 secondi e poi via, diretti alle montagne russe (il Katun). Diamo uno sguardo alla coda, ci guardiamo complici e…”non s’ha da fare”. La nostra idea di andare a Mirabilandia a settembre, sebbene all’apparenza intelligente, è stata demolita dall’ancora estiva temperatura che ha portato migliaia di persone a fare il nostro stesso ragionamento.
Per questo motivo ci rechiamo al primo negozio e, da consumisti incalliti, ci facciamo possedere dal satanico Flash Pass. Esso non è nient’altro che un patto col diavolo 😈: noi gli diamo il meglio di noi (quantificato in 36 euro a testa tondi tondi 😮😮) e lui ci permette di saltare le file. Ma solo per uno dei due giorni! C’è anche una versione meno esosa, che però permette di saltare solo una volta la coda per ogni attrazione.
Fieri dei nuovi poteri ci avventuriamo nel Katun e, per ostentare il nostro status di ricchi per un giorno 🤑🤑, facciamo un altro giro subito dopo!

Katun: l'attrazione con i piedi sospesi in aria

Katun: l’attrazione con i piedi sospesi in aria

Da li in avanti la giornata procede in discesa (e salita, e discesa, e salita sulle montagne russe), con file saltate e tante ore di coda risparmiate. Non sappiamo se consigliarvelo ma, sapete che c’è, ve lo consigliamo. Saran tanti soldi, ma una vostra giornata vale più di 36 euro e passarla in coda come topi non è il miglior investimento. Chiaramente vale sempre il consiglio nella premessa: se andate durante la settimana forse, forse, forse, non vi serve. Entrate, valutate ed agite di conseguenza!

⏩ Premiamo il tasto “avanti veloce” ed arriviamo alla sera.

Ore 17:00: in genere a quest’ora Mirabilandia inizia a svuotarsi…invece NO, inizia a popolarsi di gente strana, con pantofole ai piedi e pigiami addosso. Sostanzialmente abbiamo beccato l’unico giorno in cui, forse forse, c’è più gente di sera che di giorno e ancora una volta ci ripetiamo “sia benedetto il flash pass”. La motivazione va ritrovata nell’evento PIGIAMALANDIA, che permetteva a coloro che fossero entrati nel parco in pigiama di godere di un significativo sconto.

Ore 23:00 chiusura, dieci minuti di strada in direzione Lido di Savio dove avevamo l’hotel e…BUONANOTTE.

 

Giorno 16 Settembre.

Orario di apertura: 10.00. Orario di arrivo: 10.30…siamo già in ritardo…di nuovo!

Poco male, oggi è domenica, ci sarà molta meno gente, visto che il giorno dopo si lavora…SCIOCCHI! 😶

Il patto col diavolo era terminato e altri 72 euro erano un po’ esagerati…considerando anche che il parco chiudeva alle 18. Quindi, torniamo umani e…beh…immaginiamo non vi interessino i racconti di ore interminabili di code!

Conclusioni e consigli

Due giorni a Mirabilandia sono “obbligatori” alla luce soprattutto del celebre motto del parco “Il giorno dopo entri gratis”. Bisogna però essere preparati e consapevoli di dover affrontare, come in ogni parco divertimenti, lunghe ore di coda, o, alternativamente, esosi esborsi monetari per evitarle. A nostro avviso la nostra soluzione è un ottimo compromesso, ma vi consigliamo, per una maggior gratificazione, di invertire le giornate: sorbirvi le code il primo giorno e prendere il flash pass il giorno seguente. Chiaramente NON FATELO CIECAMENTE ma valutate che ne valga effettivamente la pena!

Se siete in compagnia di bambini il parco ha molto da offrire e le code sono generalmente meno lunghe rispetto a quelle che si trovano nelle attrazioni più adrenaliniche! Non abbiate paura a portare i figli quindi, perchè si divertiranno sicuramente.

Se invece siete più grandicelli, preparatevi ad attese più consistenti, ripagate però da esperienze super adrenaliniche ed esaltanti.
L’ispeed è un vero miracolo ingegneristico e vi darà una potente botta di vita, fin dalla partenza, mentre sul Katun preparatevi a sballottamenti infiniti a penzoloni nel vuoto!

Se adorate bagnarvi l’offerta non manca: El Dorado è un’attrazione puramente focalizzata sull’acqua mentre Divertical coniuga montagne russe e idratazione consistente! 🌊🌊
Oltre a queste ci sono davvero un sacco di altre giostre, molte delle quali immortalate in questo breve video riassuntivo delle nostre giornate a Mirabilandia.

In definitiva: vi consigliamo di passare due giorni a Mirabilandia? Si! Con la giusta predisposizione d’animo, la giusta pazienza e la giusta voglia di divertirsi! 😁

Categorie: GuideItalia

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *