fbpx

Scopri la fase finale della unusualtravelchallenge QUI

Si, il titolo è coniugato nella maniera corretta! E si, è una domanda: Perchè seguite i travel influencer? E’ una domanda che mi sono posto più volte e ora voglio rivolgerla a voi! Fateci sapere nei commenti le vostre motivazioni!
Ma prima di darvi spazio per rispondere, concedetemi di prendermi qualche riga per ragionarci assieme a voi!

 

Digressione: Luglio 2018

Christian, cioè io, stava affrontando la quest del mese: comprare il dominio insolitotramtravel per aprirci un blog di viaggi.  La sfida, di per se, non era difficile non fosse per quel piccolo inconveniente chiamato motivazione. Perchè aprire un blog di viaggi e, soprattutto, perchè qualcuno dovrebbe seguirlo?
Insolitotramtravel sarebbe stato l’ennesimo blog di viaggi! Ormai se ne contano a milioni (iiiiii mo’ non esageriamo), dai più celebri e rinomati, come  zingarate o miprendoemiportovia a quelli un po’ più piccini ma altrettanto interessanti, come nonsoloisole o iquokkainviaggio.
Quindi la domanda che l’eroe della nostra storia si è posto, in un afoso luglio d’estate è stata “perché un altro blog di viaggi?” E, successivamente, “perché proprio il LORO blog di viaggi”?
E col caldo, si sa, è difficile dormire, ragion per cui ha avuto tutto il tempo per pensarci e formulare la sua personalissima risposta!

Perché seguiamo qualcuno

Partiamo dai preliminari, perché solo così il nostro rapporto potrà definirsi completo e soddisfacente! ??

La risposta che mi son dato, dopo un’oculata analisi, è duplice: intrattenimento e accrescimento; analizziamoli velocemente onde evitare interminabili sproloqui!

Nota bene: non son psicologo, non son sociologo son solo un ebete che scrive alle 00.47. Ma HEY!, nell’era delle fake news questo sarà comunque oro colato!

Nel primo caso la motivazione, essenzialmente “non c’è”. Seguiamo qualcuno perché semplicemente ciò che crea ci piace e ci fa passare del tempo in maniera che riteniamo “buona”.

Succede praticamente in ogni settore: seguiamo, per esempio, il calcio, seguiamo gli youtuber che giocano ai videogiochi e seguiamo, per l’appunto, i travel influencer.

Chiaramente non tutti gli spettatori ricadono in tutte le casistiche, ma, in ognuna di esse, il semplice seguire degli influencer non ci porta alcun beneficio in termini misurabili. Sta di fatto che, nel farlo, ci sentiamo bene.

Nel secondo caso, invece, seguiamo qualcuno per accrescere noi stessi: può essere un accrescimento culturale (politico, storico, geografico etc.), può essere un accrescimento spirituale, può essere un accrescimento delle proprie competenze (fotografiche, artistiche, informatiche etc.). In questo secondo caso la motivazione è misurabile, tangibile, e provabile tramite la sperimentazione in prima persona di ciò che si è acquisito!

Dove si collocano i travel influencer?

Sembrerà scontato ma, la prima risposta che mi viene in mente è assolutamente nel mezzo…con le dovute eccezioni.

La peculiarità dei travel influencer è quella di viaggiare, visitare posti fantastici e documentarli visivamente o narrativamente.

Da un lato, nel raccontare i propri viaggi, intrattengono notevolmente lo spettatore, tanto più se i racconti sono conditi da un alone di epicità o le fotografie sono particolarmente spettacolari.

Dall’altro permettono di conoscere posti ignoti o, meglio ancora, forniscono consigli e direttive in merito a taluna o talaltra meta.

Sarà capitato anche a voi, immagino, di cercare, prima di un viaggio qualcosa come “cosa visitare a …?”, “dove mangiare a …?”. Ecco, a differenza di Wikipedia o TripAdvisor, i travel influencer forniscono una risposta provata sul campo e, in quanto tale, facilmente replicabile.

Inoltre, quantomeno agli inizi, i travel influencer sono “persone del volgo” e non “addetti ai lavori”, per cui lo sforzo di immedesimazione è pressoché azzerato.
Non dovremo aver paura che essi foraggino una meta piuttosto che un’altra né che ciò che dicono sia falsato da qualsivoglia motivazione estrinseca. Chiaramente ho specificato “agli inizi” perché, nel momento in cui iniziano a fioccare collaborazioni di qualsivoglia natura, ciò risulterà (naturalmente) essere sempre meno vero.

In definitiva, agli inizi, essi non sono altro che un prolungamento dei nostri sensi: ci permettono di raggiungere posti che attualmente non possiamo raggiungere con le nostre gambe, vedere posti che non possiamo vedere con i nostri occhi ed acquisire conoscenze che non possiamo sperimentare in prima persona.

E quindi? insolitotramtravel sarà un altro “prolungamento”?

Si ???

Ma quello che insolitotramtravel vuole essere è un qualcosa di un pelo diverso dal solito: giocoso e frizzante ma allo stesso tempo utile ed istruttivo. Per questo motivo nel corso dei mesi abbiamo lanciato gli #unusualtravelgames (ora in standby in attesa di una stagione 2).
Per questo motivo abbiamo lanciato le #CaRIOSITY, ora aperte anche a voi, nelle quali, ogni martedì e giovedì, rigorosamente dall’interno della mia auto, vi porto una curiosità a tema geografico (non si sa mai che prima o poi dobbiate andare a qualche quiz show e possiate vincere proprio grazie ad essa ?).

E non a caso ora abbiamo aperto questo blog dove, come già accennato nella lettera d’intenti, intendiamo portarvi contenuti diversificati ma (speriamo) utili e, soprattutto, FACILMENTE CONSULTABILI.

Questo articolo ne è un esempio: non si parla solo di viaggi ma si ragiona su una figura professionale e lo si fa in maniera comunitaria e costruttiva assieme a voi! E continueremo così, alternando articoli chiari e concisi, con approfondimenti più curati; alternando articoli che parlano di luoghi in particolare con articoli che parlano di cosa portare con se in determinate circostanze.
E, perchè no, useremo il blog anche per presentare un po’ di più noi stessi e le nostre molteplici passioni.

Ora finalmente tocca a voi

Finalmente ho finito di straparlare e quindi passo la palla a voi:

Vi trovate d’accordo con le nostre considerazioni?

Secondo voi ci sono degli altri motivi per “seguire” qualcuno? E per seguire dei travel influencer?

Scriveteci le vostre considerazioni qua sotto ed apriamo un dibattito da far intimidire il pubblico di FORUM!

Buona settimana di ferragosto! ?


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *